venerdì 17 giugno 2016

AEROBICA

"I'm gonna live forever,
I'm gonna learn how to fly,
I'm gonna make it to haven,
Baby, remember my name"
(Michael Gore - "Fame")



Oltre la Breakdance, l'America degli anni '80 ha sfornato un ulteriore tipo di attività fisica e di passione, quasi del tutto femminile, che ha dato vita ad un vero e proprio modo di vestire capace di far tendenza: l'Aerobica.
Coniata verso la fine degli anni '60 del 1900, la parola 'aerobica' diverrà improvvisamente di moda una quindicina di anni dopo, grazie al nuovo interesse posto verso la salute fisica ed il fitness visto come disciplina adatta a tutti e fattibile in gruppo, divertendosi a suon di musica sotto la guida di un istruttore esperto.
L'abbigliamento in voga per l'aerobica richiedeva indumenti specifici, quali body dai colori vivaci, top e calzamaglie aderenti in tinta o in contrasto colore, scaldamuscoli per i polpacci, cardigan corti da ballerina, e fasce sulla fronte. Il materiale maggiormente usato per fabbricare body e calzamaglie era la lycra ed i colori più usati erano blu elettrico, viola, fucsia e giallo.
Parte del successo di questa moda e della passione per il fitness e per la danza, lo si deve anche al cinema ed alla televisione, che hanno saputo lanciare e diffondere film come "Saranno Famosi", a cui seguirà l'omonima serie tv, e "Flash Dance", e alla diffusione capillare dei VHS con le lezioni di Jane Fonda da poter fare comodamente a casa.


Nessun commento:

Posta un commento